foto6.jpg

Le calchere

 Le calchere sono delle fornaci che venivano utilizzate in passato per cuocere le pietre calcaree e trasformarle in calce viva. La struttura della calchera è circolare e si sviluppa in altezza a forma di botte; ha dimensioni variabili: per il diametro da 3 a 5 metri, mentre da 4 a 6 metri per l’altezza.

Per la realizzazione di questo censimento si è deciso di adottare, come punto di partenza, la catalogazione degli Operatori Ambientali dell’ex Comprensorio Alto Garda e Ledro effettuata fra la fine degli anni ‘80 e l’inizio degli anni ‘90 e conclusasi con la pubblicazione del libro Le calchere del Comprensorio Alto Garda e Ledro 6. Sono stati poi effettuati numerosi sopralluoghi sul territorio alla ricerca di questi manufatti; per ritrovare molte calchere hanno avuto un ruolo fondamentale le testimonianze orali e le indicazioni delle persone che ne conservano ancora oggi memoria. Comparando i risultati delle varie ricerche si può stimare che in un arco di tempo di circa tre secoli fino alla metà del XX secolo siano stati attivi in val di Ledro nel complesso circa 70 forni per la produzione di calce. Della gran parte di questi talvolta non rimane alcuna traccia fisica, bensì solo documentale (fonti bibliografiche, fotografiche e testimoniali) e toponomastica (significativo a riguardo il cognome Calcari).

Il parametro più significativo per la classificazione delle 28 calchere censite è legato alla struttura del manufatto:

Calchera completa allAmpola

 

 

 

13 con struttura completa

 

 

censimento struttura parziale

 

 

 

 

 

7 con struttura parziale
(presenti alcune parti della muratura perimetrale; in alcuni casi manca solamente la parte anteriore e l’arco della porta)

 

censimento struttura assente

 

 

 

 

 

 

8 con struttura assente (rimane solo la forma circolare e in alcuni casipochi elementi murari)