foto4.jpg

La lissia

Intervista a Giuseppina Miorelli realizzata da Chiara Parisi.

- Nonna, come facevi a lavare? Cosa si usava per lavare i vestiti?

- Per lavar dropevemelsaom. Quando laveva le robe bianche féva la lisiva, boìvem la zéndro[1]dela legna, quela en pocpu bianca, se la boìva per en bel pezòt. Le robe le metevemzo tute empacaenela brenta de leign e sora ghemetevem uno stracio che no paseszo la zéndrosoto, così la cenere restava sopra, pasevazo sol l’acqua bolente. Le lavevemna volta, doe, na volta le lavevem po’ tornevem a lavarle e dopo le metevem en de sta brenta e dopo metevemsòra sta roba, magari de sera. Le lasevem lì tuta la note e la matina se neva a resentar ala fontana. E le era bele bianche e le saveva en profumo da lissia[2], sul serio, propri en bon profumo le saveva. Se no co le robe colorate se dropevael “Persil”, gheraalora, el detersivo. Dropeva quel da meter a bagno, prima se le laveva, po’ se le laseva a bagno e il giorno dopo se le laveva ancora. Gavevem en dafar! Far nalissia tute le setimane.

- Facevi lo stesso anche per i grembiuli del macellaio?

- Quei i fevaboìer. Se févaboìer, gaveva n’afaregrant così, napadelagranda, se le fevaboìerfim che no le vegnivabele bianche. Anca le giache, sa’t che i gaveva la giaca bianca sora elgrombial, l’era ambizioso guai se gheranamaceta. Dopo quando ghera su qualche macetael le meteva dentro en maceleria, i le tacheva su en de sto sito, e alora i putèi che elgaveva lì a laorar i le meteva lori per sporcarle, i le féva a pasi da far spavento e bisogneva farle vegnir bianche.

- Com’erano i negozi durante la guerra?

- I negozi i era quei de prima ma ghera quel che ghera, se te volevi la roba en poch bona te dovevi pagarla al mercato nero. Ghera dei negozianti che i saveva che sariaarrivà la guera e i s’era preparai la roba, po i la vendeva al mercato nero, se te la volevi te la dovevi pagar cara e se no te te dovevi acontentar de quel che ghera.

- Detersivi e sapone c’erano lo stesso?

- Sì elsaom sì, ghera anca elsaom nero, tante volte i lo feva con elgras, le se lo feva le done. Le robe delicate le se le laveva col saom en po’ meio.


[1]Zéndro: pronunciata con la “Z” dura (altrimenti pronunciata significa genero) significa cenere

[2]Lissia: bucato