foto6.jpg

LA MAPPA RITROVATA

L’elenco e le biografie dei garibaldini del 1866 a Bezzecca

Nel corso del 2011, complice anche il 150° dell’Unità d’Italia, sono arrivate al Museo garibaldino e della Grande guerra di Bezzecca molte richieste di informazioni provenienti da tutta Italia, di lontani parenti di garibaldini che chiedevano notizie dei loro avi. Si è colta quindi l’occasione per approfondire la questione, interpellando storici e chiedendo informazioni presso archivi storici, istituzioni nazionali e musei del settore.facce2

Dopo una breve ricerca è stato possibile individuare un consistente corpus archivistico riguardante i Corpi Volontari Italiani del 1866, custodito presso l’Archivio Storico Nazionale di Torino. In oltre 460 faldoni sono contenute migliaia di carte e registri riguardanti la campagna militare, che vanno da corrispondenza varia, registri contabili, pratiche personali, fogli competenze, fogli paga e rubriche alfabetiche. Da quest’ultime è possibile recuperare tutti i nomi degli arruolati e, nella maggior parte dei casi, informazioni sulle loro origine: luogo di nascita, età e genitori. Queste rubriche, suddivise per reggimenti, battaglioni e compagnie rappresentano lo strumento più completo e al tempo stesso sintetico riguardo i volontari della campagna 1866, è stato così deciso di fotografarle pagina per pagina e riportare poi i dati contenuti in un Database. Sono state realizzate circa 8000 fotografie che rappresentano una somma di circa 43.543 nomi suddivisi nei 10 reggimenti.

La ricerca si è indirizzata su tre direttrici:

  1. Creazione di un data base dei nomi partendo dai documenti ritrovati e scansionati presso l’Archivio di Stato di Torino, che a sua volta sta redigendo la mappa dei garibaldini che hanno partecipato alla Spedizione dei Mille (che erano 30.000).
  2. La ricerca dei segni garibaldini ancora presenti sul territorio ledrense e nelle valli circostanti del Trentino e della Lombardia.
  3. La storia del Museo garibaldino e della Grande guerra, che nel frattempo è stato riallestito a cura del Comune di Ledro.

 

--> premere qui per accedere all'archivio dati <--

soprema-download-pdf

 La ricerca si è conclusa nel 2014 ed è stata finanziata dalla

logo-CassaRisparmio